INFO: FORMAZIONE 2019-2020

 NEW: UPDATING SEMINAR FOR THERAPIST IN AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGY IN VERONA IN DECEMBER 2019

 

Sindrome di Down e metodo Tomatis

 

Il dottor Tomatis ha usato il suo metodo di stimolazione sonora per aiutare bambini e adulti con sindrome di Down nel suo centro di Parigi per oltre 30 anni. I centri che utilizzano il metodo sono molto di aiuto per questi bambini e i risultati ottenuti sono considerati molto soddisfacenti in oltre il 70% dei casi.

 

Molti centri Tomatis utilizzano il metodo per sostenere ed incrementare lo sviluppo dei bambini con sindrome di Down. Spesso atonici, adinamici, questi piccoli esseri non hanno la forza di mettersi in piedi per fare del loro corpo uno strumento del linguaggio. E tutta la serie di problemi che da qui discendono va a perturbare uno sviluppo che potrebbe essere armonioso, nei limiti naturalmente imposti dalla sindrome.

La stimolazione apportata dall'Orecchio Elettronico è un elemento portatore di speranza in materia di trisomia. Nei nostri centri vediamo spesso lo sguardo, il viso, i tratti del bambino trasformarsi, al punto di domandarsi se si tratta sempre dello stesso essere. Quante volte abbiamo visto dei bambini allettati o in carrozzella mettersi in piedi dopo alcune serie di sedute di dinamizzazione con i suoni. Non si tratta di miracolo. Molti bambini con sindrome di Down hanno uno scarso tono muscolare che si traduce in una postura caratterizzata da schiena curva e spalle piegate in avanti. Questo scarso tono muscolare dà anche una mimica facciale inespressiva e una tendenza a tenere la bocca aperta con la lingua che sporge. In questa situazione la produzione del parlato, in particolare l'articolazione, è influenzata negativamente. Tomatis ha dimostrato che i suoni ad alta frequenza inviano più afflusso neurale al cervello e perciò forniscono più energia. Nel parlato, le frequenze più alte sono quelle che danno il timbro alla voce. La voce scarsamente articolata di molti bambini con sindrome di Down manca di timbro ed è quindi povera di suoni ad alta frequenza. Questa tipo di voce ha come effetto di fornire pochissima energia al cervello e contemporaneamente richiedere una notevole quantità di energia per essere prodotta. Il conseguente esaurimento di energia influisce negativamente sull'espressione linguistica ma anche sul processo del pensiero e sulle funzioni del corpo come la postura, l'equilibrio, la motricità e la coordinazione. Una cattiva postura a sua volta influisce negativamente sulla respirazione, così importante nella fonazione e nella vigilanza.

Il metodo Tomatis, esercitando l'orecchio attraverso il gioco di bascula dell'Orecchio Elettronico favorisce una migliore percezione delle frequenze acute aumentando così il livello di vigilanza del bambino che inizierà ad essere più reattivo agli stimoli. L'esercizio, agendo anche sul vestibolo, aiuta il miglioramento del controllo muscolare, la postura e la motricità in generale. Uno degli effetti più comunemente osservati è un rapido miglioramento della capacità di chiudere la bocca, di tenere la lingua dentro e di smettere di sbavare. Grazie a queste modificazioni, l'articolazione del discorso diventa più chiara e più comprensibile. Ciò è dato dal legame neuro-muscolare tra i muscoli dell'orecchio medio, muscolo del martello e della staffa e i muscoli della mascella e del viso.

Il circuito cibernetico audio-vocale aiutato a meglio reagire all'entrata dei suoni avrà un effetto positivo sullo sviluppo del linguaggio in generale e sulla capacità di relazionarsi con il mondo.